Follow us

Sei in: Home » Vaccinare i bambini per proteggere gli anziani
Vaccinare i bambini per proteggere gli anziani

VACCINARE I BAMBINI PER PROTEGGERE GLI ANZIANI

Perché è importante vaccinare i bambini contro l’influenza?

I bambini da 0 a 4 anni si ammalano di influenza circa 10 volte in più rispetto agli anziani e 5 volte in più rispetto agli adulti e i numeri rimangono alti anche nei bambini con età superiore, infatti, con l’aumentare dell’età il rischio di ammalarsi di influenza si riduce ma fino all’adolescenza resta decisamente più elevato che nell’adulto e nell’anziano, rispettivamente di 8 e 4 volte.1

Da quest’anno, secondo le raccomandazioni ministeriali, si rappresenta l’opportunità di raccomandare la vaccinazione antinfluenzale nella fascia di età 6 mesi – 6 anni, anche al fine di ridurre la circolazione del virus influenzale fra gli adulti e gli anziani.2

Quali sono le conseguenze della diffusione del virus influenzale da parte dei bambini?

L’efficacia del vaccino antiinfluenzale è dimostrata dall’impatto che la vaccinazione del bambino ha sull’incidenza delle infezioni dei conviventi. Là dove è stata attuata una sistematica prevenzione delle infezioni pediatriche attraverso l’uso del vaccino, non solo si è avuta una caduta nella numerosità dei bambini ammalati ma, contemporaneamente, si è assistito a una marcata riduzione dei casi di influenza negli adulti e negli anziani, con ovvi vantaggi sia in termini sanitari, sia sociali ed economici.1

La diffusione del virus da parte dei bambini è potenziata dal fatto che, rispetto agli adulti, eliminano il virus in
quantità più ingenti e per tempi più lunghi.1

Quando un piccolo si ammala di influenza, tutta la famiglia è a rischio di infezione con gravi ricadute sanitarie, sociali ed economiche. Diversi studi hanno dimostrato che l’influenza dei bambini si traduce non solo in una loro assenza dalla vita di comunità e a un incremento dei costi per l’assistenza medica pediatrica, ma anche in un aggravio economico e sociale legato alle problematiche dei pazienti adulti, in particolare per l’assenteismo dal lavoro e ai costi delle cure per la loro influenza. Ogni caso di influenza pediatrica costa circa 132 euro, dei quali oltre la metà è rappresentato dalle ritenute sulle retribuzioni dei genitori per l’assenza dal lavoro.1

cornice

Bibliografia

  1. Esposito S., Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica. Uno 2018; 27-34.
  2. Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2021-2022. Ministero della Salute.